logo1.pnglogo2.png

Mamma (leggendo a voce alta un libro) - C’era una volta, nel paese di Leccornia, un eremita di nome Pio.

Entra in scena Pio

Mamma - Pio aveva fama di essere un sant’uomo. Viveva in una capannuccia in cima a un monte e passavo tutto il giorno a pregare. Non vedeva mai nessuno…
Pierino – Non vedeva nessuno? E allora perché non metteva gli occhiali?
Mamma – L’unica compagnia dell’eremita era Ghiottone…

Entra in scena Ghiottone
… un ragazzo orfano che Pio aveva adottato come discepolo. Ghiottone non era un bravo allievo. Era disubbidiente, pigro e con un appetito insaziabile.

Ghiottone - Per questo in paese mi avevano soprannominato Ghiottone!
Mamma - Ma Pio era troppo buono e non aveva cuore di mandarlo via. Gli abitanti del paese veneravano Pio come un santo…

Entrano in scena gli abitanti di Leccornia
… e gli mandavano spesso offerte.

Abitanti di Leccornia (in coro, circondano Pio e gli offrono regali e danaro) – Prendi, Pio! Prendi Pio!

Pio – Sì, ma solo cibo e bevande, perché io odio il denaro e mi rifiuto persino di toccarlo.
Mamma - Per esempio, una volta che un ricco commerciante gli regalò un sacco pieno di soldi…

Un abitante di Leccornia porge a Pio un sacco
…sapete Pio che fece?

Pio - Usai le banconote per accendere il fuoco del caminetto!
Pierino – Io ci sarei andato alle Maldive. Lì sì che fa caldo!
Ghiottone – Io mi ci sarei comprato una bella pasticceria!
Mamma - Un giorno Pio disse a Ghiottone…
Pio – Ghiottino, mi faresti un favore? Mi piacerebbe mangiare qualche dolce. Va in paese e chiedi se te ne danno qualcuno.
Mamma - Appena in paese si sparse la voce che Pio aveva chiesto un dolce, si scatenò una vera e propria gara…

Abitanti di Leccornia (in coro, circondano Ghiottone e gli offrono dolci) – Per Pio! Per Pio!

Ghiottone - In dieci minuti fui sommerso di torte, crostate, cannoli, cassate e dolci di ogni tipo.
Mamma – Ghiottone li mise tutti in una grossa cesta e li contò.
Ghiottone (contando con qualche difficoltà i dolci) - Sono trentadue.
Mamma - Ghiottone aveva l’acquolina in bocca. Guardava tutti quei dolci e se li mangiava con gli occhi.
Ghiottone (al pubblico) – Avrei voluto vedere voi…
Mamma - Ghiottone si avviò verso casa e mentre camminava faceva questo ragionamento…
Ghiottone - Il mio maestro Pio è un uomo buono e giusto, che divide con me tutto quello che ha. Quando rientrerò, mi darà la metà dei dolci, cioè sedici. Perché non mangiarli subito, visto che ho così fame?
Ghiottone - E mi mangiai sedici dolci, uno dopo l’altro. (a bocca piena, mentre mangia i dolci)
Pierino – Beato Ghiottone!
Mamma - Ghiottone riprese la strada di casa, ma continuava a pensare…
Ghiottone - Quando rientrerò con sedici dolci, Pio me ne darà otto. E allora, perché non mangiarli subito?
Mamma - E ne mangiò altri otto.

Ghiottone riprende a mangiare i dolci

Pierino – E fanno ventiquattro!
Mamma - Ghiottone fece un altro pezzo di strada e pensò…
Ghiottone - Se riporto otto dolci, sicuramente il maestro me ne darà quattro. Tanto vale che li mangi subito! E ne mangiai altri quattro.
Pierino – E fanno ventotto! Ma non gli scoppia la pancia?
Mamma - E vista la voglia di dolci e la certezza che il maestro avrebbe diviso sempre tutto con lui, mangiò ancora due dolci, e poi un altro ancora, fino a che non rimase che un solo dolce, l’ultimo.
Ghiottone - Il maestro Pio è così buono che dividerà con me anche quest’ultimo dolce.
Mamma - E ne mangiò metà. Quando Ghiottone arrivò alla capanna con il mezzo dolce…

Ghiottone porge a Pio mezzo dolce
…Pio si sorprese ed esclamò…

Pio - Ma come? In tutto il paese ti hanno dato solo mezzo dolce?
Mamma - Ghiottone, che era un ragazzo goloso, ma non bugiardo, raccontò al maestro di come, a poco a poco, avesse mangiato tutti i dolci. Pio rimase assai meravigliato.
Pierino – Solo meravigliato? Era proprio un santo!
Pio - Ghiottone, come hai fatto a mangiare in pochi minuti trentadue dolci?
Ghiottone - Così! (mette in bocca l’ultimo pezzo di dolce rimasto)
Mamma - Prese l’ultima metà di dolce e l’ingoiò.
Pio (arrabbiato, va verso Ghiottone che scappa) – Brutto mangione! Ora ti faccio vedere io!
Ghiottone (mentre scappa inseguito da Pio) – Ricordati che sei un santo! E poi troppi dolci fanno male!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti oad alcuni cookie cliccare sulla sezione più informazioni